Medjugorje, 25 Febbraio 2020

” Cari figli!

In questo tempo di grazia

desidero vedere i vostri volti trasformati nella preghiera.

Voi siete così inondati dalle preoccupazioni terrene

che non sentite neanche che la primavera è alle soglie.

Figlioli,

siete invitati alla penitenza ed alla preghiera.

Come la natura lotta nel silenzio per la vita nuova,

così anche voi siete invitati ad aprirvi nella preghiera a Dio

nel quale troverete la pace

e il calore del sole di primavera nei vostri cuori.

Grazie per aver risposto alla mia chiamata. “

Medjugorje, 2 Febbraio 2020

“Cari figli,

sono stata scelta per essere madre di Dio e vostra madre,

per decisione e amore del Signore,

ma anche per mia volontà,

per mio amore illimitato verso il Padre Celeste

e mia totale fiducia in Lui.

Il mio corpo è stato il calice del Dio Uomo.

Sono stata al servizio della verità, dell’amore e della salvezza

così come lo sono adesso, in mezzo a voi,

per invitarvi, figli miei, apostoli del mio amore,

ad essere portatori della verità,

per invitarvi, per mezzo della vostra volontà

e dell’amore verso mio Figlio,

a diffondere le Sue parole,

parole di salvezza e per mostrare, con i vostri gesti,

a tutti coloro che non hanno conosciuto mio Figlio,

il Suo amore.

La forza la troverete nell’Eucarestia:

Mio Figlio che vi nutre con il Suo corpo

e vi rafforza con il Suo sangue.

Figli miei, unite le mani in preghiera

e guardate verso la croce in silenzio.

In questo modo troverete la fede

affinché possiate diffonderla,

troverete la verità

affinché possiate distinguerla,

troverete l’amore

affinché possiate capire come amare realmente.

Figli miei, apostoli del mio amore,

unite le mani in preghiera

e guardate verso la croce:

solo nella croce c’è la salvezza.

Vi ringrazio.”

Medjugorje, 25 Gennaio 2020

” Cari figli!

Oggi vi invito a pregare ancora di più

finché nel vostro cuore sentiate la santità del perdono.

Nelle famiglie ci deve essere la santità

perché figlioli, non c’è futuro per il mondo

senza amore e santità,

perché nella santità e nella gioia

voi vi donate a Dio Creatore

il quale vi ama con amore immenso.

Per questo mi manda a voi.

Grazie per aver risposto alla mia chiamata. ”

Medjugorje, 2 Gennaio 2020

” Cari figli

so di essere presente nelle vostre vite e nei vostri cuori.

Sento il vostro amore,

odo le vostre preghiere e le rivolgo a mio Figlio.

Però, figli miei,

io voglio essere, mediante un amore materno,

nella vita di tutti i miei figli.

Voglio radunare attorno a me tutti i miei figli,

sotto il mio manto materno.

Perciò invito voi e vi chiamo apostoli del mio amore, perché mi aiutiate.

Figli miei,

mio Figlio ha pronunciato le parole: “Padre nostro”,

Padre nostro che sei ovunque e nei nostri cuori,

perché vuole insegnarvi a pregare con le parole e i sentimenti.

Vuole che siate sempre migliori,

che viviate l’amore misericordioso

che è preghiera e sacrificio illimitato per gli altri.

Figli miei,

date a mio Figlio l’amore per il prossimo;

date al vostro prossimo parole di consolazione,

di compassione e atti di giustizia.

Tutto ciò che donate agli altri, apostoli del mio amore,

mio Figlio lo accoglie come un dono.

E io sono con voi

perché mio Figlio vuole che il mio amore, come un raggio di luce,

rianimi le vostre anime,

che vi aiuti nella ricerca della pace e della felicità eterna.

Perciò, figli miei,

amatevi gli uni gli altri,

siate uniti mediante mio Figlio,

siate figli di Dio che tutti insieme con cuore colmo, aperto e puro,

dicono il Padre nostro e non abbiate paura!

Vi ringrazio. “

Medjugorje, 25 Dicembre 2019

Cari figli!

Vi porto mio Figlio Gesù

perché vi benedica e vi riveli il Suo amore che viene dai cieli.

Il vostro cuore brama la pace

che diminuisce sempre più sulla terra.

Per questo gli uomini sono lontani da Dio,

le anime sono ammalate

e vanno verso la morte spirituale.

Sono con voi, figlioli,

per guidarvi su questo cammino di salvezza

al quale Dio vi chiama.

Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

.

Messaggio annuale a Jackov, 25 Dicembre 2019


” Cari figli,

oggi in questo giorno di grazia,

in modo particolare vi invito ad aprire i vostri cuori

e pregate Gesù affinché fortifichi la vostra fede.

Figli, attraverso la preghiera col cuore,

la fede e le opere comprenderete che cosa significhi

vivere una sincera vita cristiana.

Spesse volte, figli, le vostre vite ed i vostri cuori

sono presi da tenebra, dolore e croci.

Non vacillate nella fede

e non domandatevi il perché

pensando che siete soli e abbandonati

ma aprite i vostri cuori,

pregate e credete fermamente

e allora il vostro cuore sentirà la vicinanza di Dio,

e che Dio non vi abbandona mai

e che è al vostro fianco in ogni momento.

Attraverso la preghiera e la fede,

Dio risponderà ad ogni vostro perché

e trasformerà ogni vostro dolore,

tenebra e croce in luce.

Vi ringrazio. ”

Medjugorje, 2 dicembre 2019

” Cari figli,

mentre guardo voi che amate mio Figlio,

la delizia colma il mio Cuore.

Vi benedico con la benedizione materna.

Con la materna benedizione benedico anche i vostri pastori:

voi che dite le parole di mio Figlio, benedite con le sue mani

e lo amate tanto da essere disposti a fare con gioia ogni sacrificio per lui.

Voi seguite lui, che è stato il Primo Pastore, il Primo Missionario.

Figli miei, apostoli del mio amore,

vivere e lavorare per gli altri, per tutti coloro che amate

per mezzo di mio Figlio,

è la gioia e la consolazione della vita terrena.

Se attraverso la preghiera, l’amore ed il sacrificio

il Regno di Dio è nei vostri cuori,

allora per voi la vita è lieta e serena.

Tra coloro che amano mio Figlio e si amano reciprocamente

per mezzo di lui, le parole non sono necessarie.

E’ sufficiente uno sguardo per udire le parole non pronunciate

e i sentimenti non espressi.

Laddove regna l’amore, il tempo non si conta più.

Noi siamo con voi!

Mio Figlio vi conosce e vi ama.

L’amore è ciò che vi conduce a me e, mediante quest’amore,

io verrò a voi e vi parlerò delle opere della salvezza.

Desidero che tutti i miei figli abbiano fede

e sentano il mio amore materno che li guida a Gesù.

Perciò voi, figli miei,

ovunque andiate rischiarate con l’amore e con la fede,

come apostoli dell’amore.

Vi ringrazio.”

Medjugorje, 25 Novembre 2019

“Cari figli!

Questo tempo sia per voi il tempo della preghiera.

Senza Dio non avete la pace.

Perciò, figlioli, pregate per la pace

nei vostri cuori e nelle vostre famiglie

affinché Gesù possa nascere in voi

e darvi il Suo amore e la Sua benedizione.

Il mondo è in guerra

perché i cuori sono pieni di odio e di gelosia.

Figlioli, l’inquietudine si vede negli occhi

perché non avete permesso a Gesù di nascere nella vostra vita.

CercateLo, pregate e Lui si donerà a voi

nel Bambino che è gioia e pace.

Io sono con voi e prego con voi.

Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Medjugorje, 2 Novembre 2019

” Cari figli,

il mio diletto Figlio ha sempre pregato e glorificato il Padre Celeste.

Gli ha sempre detto tutto ed ha confidato nella sua volontà.

Così dovreste fare anche voi, figli miei,

poiché il Padre Celeste ascolta sempre i suoi figli.

Un unico cuore in un solo cuore: amore, luce e vita.

Il Padre Celeste si è donato mediante un volto umano,

e tale volto è il volto di mio Figlio.

Voi, apostoli del mio amore,

voi dovreste sempre portare il volto di mio Figlio

nei vostri cuori e nei vostri pensieri.

Voi dovreste sempre pensare al suo amore e al suo sacrificio.

Dovreste pregare in modo da sentire sempre la sua presenza.

Poiché, apostoli del mio amore,

questo è il modo di aiutare tutti coloro che non conoscono mio Figlio,

che non hanno conosciuto il suo amore.

Figli miei,

leggete il libro dei Vangeli:

è sempre qualcosa di nuovo, è ciò che vi lega a mio Figlio,

che è nato per portare parole di vita

a tutti i miei figli e per sacrificarsi per tutti.

Apostoli del mio amore,

portati dall’amore verso mio Figlio,

portate amore e pace a tutti i vostri fratelli.

Non giudicate nessuno,

amate ognuno mediante l’amore verso mio Figlio.

In tal modo vi occuperete anche della vostra anima,

ed essa è la cosa più preziosa che veramente vi appartiene.

Vi ringrazio! “