Medjugorje, 2 Maggio 2018

” Cari figli

mio Figlio, che è luce d’amore,

tutto ciò che ha fatto e fa, l’ha fatto e lo fa per amore.

Così anche voi, figli miei, quando vivete nell’amore,

amate il vostro prossimo e fate la volontà di mio Figlio.

Apostoli del mio amore, fatevi piccoli!

Aprite i vostri cuori puri a mio Figlio,

affinché egli possa operare attraverso di voi.

Con l’aiuto della fede, riempitevi d’amore.

Però, figli miei,

non dimenticate che è l’Eucaristia il cuore della fede:

essa è mio Figlio che vi nutre col suo Corpo

e vi fortifica col suo Sangue.

Essa è il prodigio dell’amore:

mio Figlio che viene sempre di nuovo

vivente per vivificare le anime.

Figli miei, vivendo nell’amore,

voi fate la volontà di mio Figlio ed egli vive in voi.

Figli miei,

il mio desiderio materno è che lo amiate sempre più,

poiché egli vi chiama col suo amore.

Vi dona l’amore, in modo che voi lo diffondiate a tutti attorno a voi.

Per mezzo del suo amore,

come Madre sono con voi per dirvi parole d’amore e di speranza,

per dirvi parole eterne e vittoriose sul tempo e sulla morte,

per invitarvi ad essere miei apostoli d’amore.

Vi ringrazio! “

Medjugorje, 18 Marzo 2018 – Apparizione annuale a Mirijana

 

” Cari figli!

La mia vita terrena era semplice.

Amavo e mi rendevano felice le piccole cose.

Amavo la vita dono di Dio, anche se dolori e sofferenze hanno provato il mio cuore.

Figli miei avevo la forza della fede e illimitata fiducia nell’amore di Dio.

Tutti coloro che hanno la forza delle fede sono più forti.

La fede ti fa vivere nel bene e così la luce dell’amore divino arriva sempre nel momento desiderato.

Questa è la forza che sostiene nel dolore e nella sofferenza.

Figli miei pregate per la forza della fede, confidate nel Padre celeste e non abbiate paura.

Sappiate che nessuna creatura di Dio andrà perduta, ma vivrà per sempre.

Ogni dolore ha la sua fine e poi comincia la vita nella libertà,

la dove tutti i miei figli giungono e dove tutto ritorna.

Figli miei la vostra lotta è dura, lo sarà ancor di più, però voi seguite il mio esempio.

Pregate per la forza della fede, confidate nell’amore del Padre celeste.

Io sono con voi, io mi manifesto a voi, io vi incoraggio.

Con illimitato amore materno accarezzo le vostre anime.

Vi ringrazio. “

Medjugorje, 2 Gennaio 2018

” Cari figli
quando sulla terra viene a mancare l’amore,
quando non si trova la via della salvezza,
io, la Madre, vengo ad aiutarvi a conoscere la vera fede, viva e profonda;
ad aiutarvi ad amare davvero.
Come Madre, anelo al vostro amore reciproco, alla bontà e alla purezza.
È mio desiderio che siate giusti e che vi amiate.
Figli miei, siate gioiosi nell’animo, siate puri, siate bambini!
Mio Figlio ha detto che ama stare tra i cuori puri,
perché i cuori puri sono sempre giovani e lieti.
Mio Figlio vi ha detto di perdonare e di amarvi.
So che non è sempre facile: la sofferenza fa sì che cresciate nello spirito.
Per crescere il più possibile spiritualmente,
dovete perdonare ed amare sinceramente e veramente.
Molti miei figli sulla terra non conoscono mio Figlio, non lo amano.
Ma voi, che amate mio Figlio e lo portate in cuore,
pregate, pregate e, pregando, percepite mio Figlio accanto a voi:
la vostra anima respiri il suo Spirito!
Io sono in mezzo a voi e parlo di piccole e grandi cose.
Non mi stancherò di parlarvi di mio Figlio, amore vero.
Perciò, figli miei, apritemi i vostri cuori,
permettetemi di guidarvi maternamente.
Siate apostoli dell’amore di mio Figlio e del mio.
Come Madre vi prego:
non dimenticate coloro che mio Figlio ha chiamato a guidarvi.
Portateli nel cuore e pregate per loro.
Vi ringrazio! “

Santo Natale 2017. Gesù si fa uomo: L’Amore ti cerca. L’editoriale di don Pietro Marchetti

Santo Natale 2017: Gesù si fa uomo: L’Amore ti cerca.

“L’uomo per rendere immortale ed eterna la sua felicità e la sua vita, avrebbe dovuto liberamente scegliere di fissarsi in Dio chiudendo così il cerchio che Dio aveva tracciato creando l’uomo. Ma l’uomo geloso di sé, e con il folle sogno, istigato dal “nemico” di Dio, di misurarsi con Dio, spezza il cerchio e cade a peso morto su di sé. Dio, Amore tradito dall’uomo, non abbandona l’amore verso quell’uomo che lui non era riuscito a raggiungere. Il primo uomo Adamo aveva diffidato di Dio, così Dio ha pensato di non abbandonarlo, ma di scendere verso l’uomo. L’Amore rischia tutto, nulla teme: non i pericoli, non le fatiche, non le umiliazioni, non le pene. Dio si fa viandante, si fa straniero e bussa alla porta del cuore dell’uomo. L’uomo sulla terra, che era sua, non trova più né rifugio, né pace, ne tanto meno gioia; nulla può contentarlo tutte le cose gli diventano infedeli, oppure lo stancano in una noiosa ripetizione e, l’Amore insistentemente ripete: “Dio, cerca dovunque la sua creatura, dovunque “fora la parete” (Ezechiele 8,8) e apre la porta. Per le vie dei secoli come per quelle dei continenti Dio passa a ripetere la sua parola d’amore”.  In queste parole di Mons. Simone Giusti è ben raccontato il grande mistero del Santo Natale che noi stiamo per celebrare. Il tempo di Avvento mi auguro ci stia aiutando a comprendere prima di tutto quanto Dio ci ami, perché Lui lo manifesta sempre. Siamo noi che tante volte non lo vediamo e quindi continuiamo ad ignorarlo. La solennità del Natale di quest’anno ci conferma questa volontà di Dio di non lasciar perdere, di non abbandonare l’uomo in balia dei suoi errori e delle sue sofferenze, ma si fa nuovamente uomo per farci capire quanto ci ami e quanto sia preoccupato della nostra felicità, e nonostante a volte le nostre freddezze, Lui fa tutto il possibile per riconquistare il nostro cuore. Allora buona continuazione dell’Avvento, buon Natale e buon Anno Nuovo. La venuta di Gesù porti nel cuore di tutti una grande Speranza perché essa sia il carburante che bruciando in noi ci spinge ad affrontare la vita con le sue difficoltà, a superarle e a non arrenderci di fronte ad esse.

Don Pietro, Arciprete di Massa.

da “Il Nostro S.Paolo” – dicembre 2017