Comunioni a Massa Lombarda

Massa Lombarda, 3 maggio 2015

Si sono svolte oggi le prime comunioni dei bambini del terzo anno di catechismo. La celebrazione è iniziata con la processione dall’Oratorio fino alla chiesa di San Paolo dove i bambini hanno ricevuto per la prima volta Gesù nelle due specie eucaristiche del pane e del vino. La cerimonia, molto composta e ordinata, si è conclusa con una sorpresa per tutta l’Assemblea. Infatti ci si è spostati tutti fuori sul sagrato della chiesa dove i bambini hanno liberato dei palloncini con appeso un messaggio che avevano preparato il giorno prima durante il ritiro.

La processione dall'Oratorio fino alla chiesa di San Paolo
La processione dall’Oratorio fino alla chiesa di San Paolo

 

I bambini depositano il fiore che hanno portato in processione
I bambini depositano il fiore che hanno portato in processione
L'Omelia del Parroco ai comunicandi
L’Omelia del Parroco ai comunicandi
Lo scambio della pace
Lo scambio della pace
Il momento fatidico dell'incontro con Gesù
Il momento fatidico dell’incontro con Gesù
Il gruppo dei Comunicati con i catechisti
Il gruppo dei Comunicati con i catechisti

 

Il lancio dei palloncini con i messaggi
Il lancio dei palloncini con i messaggi

Parrocchia Conversione S. Paolo : Settimana 3 – 10 maggio 2015

Domenica      03       V di Pasqua

Ss Messe ad orario festivo

Ore 10.30 (S. Paolo) : S. Messa di Prima Comunione

Ore 18.00 (S. Paolo) : S. Rosario del mese di maggio

 

Lunedì       04

Ore 20.30 (S. Paolo) : S. Rosario del mese di maggio

Ore 21.00 (canonica) : Consiglio pastorale parrocchiale

 

Martedì       05

Ore 20.30 (S. Paolo) : S. Rosario del mese di maggio

 

Mercoledì       06

Ore 20.30 (S. Paolo) : S. Rosario del mese di maggio

Ore 21.00 (canonica) : Prove del “Coro S. Paolo”

 

Giovedì          07

Ore 20.30 (S. Paolo) :  S. Rosario e Adoraz.  Eucaristica

 

Venerdì          08

Comunione del Primo venerdì del mese ai malati

Ore 20.30 (S. Paolo) : Processione con l’immagine

della B.V. della Consolazione nel quartiere S. Paolo.

 

Sabato           09

Ore 18.00 (S. Paolo) : S. Rosario del mese di maggio

Ore 20.45 (Carmine) : Spettacolo presentato dal gruppo

“The Musical Brother’s” dal titolo “Pinocchio”

 

Domenica      10       VI di Pasqua

Ss Messe ad orario festivo

Ore 10.30 (S. Paolo) : S. Messa di Seconda Comunione

Ore 18.00 (S. Paolo) : S. Rosario del mese di maggio

 

La processione nel quartiere S. Paolo

Via XIII aprile, piazza Mazzini, via Garibaldi, via Piave,

via Bagnarolo fino al n° 4 (sosta con benedizione), via Piave,

via Bonvicini, via Monte Grappa, piazza Costa, via Roli

 

Avvisi

1 –  Da lunedì 4 maggio a giovedì 7 maggio presso il cortile di Ademara

in via Bagnarolo, 4   verrà recitato il S. Rosario alle ore 20.45  in preparazione

all’accoglienza della immagine  della B.V. della Consolazione nella processione

di venerdì 8 maggio.

2 – Giovedì 7 maggio gita pellegrinaggio a Siena organizzato dall’Apostolato

della   preghiera.    Per informazioni rivolgersi a Sr. Mariangela o alla Comunità

educativa   Maria Immacolata

Parrocchia di San Giacomo, Fruges – Settimana 3 – 10 maggio

Attenzione: domenica 3 maggio, sono previsti i seguenti eventi:

  • alle ore 16 e 30 verranno celebrate le Cresime
  • alle ore 18 e 30 verranno celebrate l’Adorazione Eucaristica e il Santo Rosario


Ed ecco gli eventi che verranno proposti nella prossima settimana:

        • mercoledì 6 maggio, dalle ore 20:30, don Alberto accoglierà i fedeli per la Coroncina della Divina Misericordia e per l’ascolto della Parola

Inoltre, per tutto il mese di maggio, gli interessati potranno partecipare al gioco della pesca, che segue questi orari:

  • dal lunedì al venerdì, dalle ore 16 alle ore 18
  • ogni sabato per tutto il pomeriggio
  • ogni domenica, per tutta la mattina e tutto il pomeriggio

Inoltre, un riferimento completo alle letture di domenica prossima:

click e vai alla pagina

Medjugorje, 2 Maggio 2015

801912447_1efa91fda9a

 

” Cari figli, aprite i vostri cuori e provate a sentire quanto vi amo

e quanto desidero che amiate mio Figlio.

Desidero che Lo conosciate di più perché è impossibile conoscerlo e non amarLo,

perché Lui è l’amore.

Figli miei, io vi conosco: conosco i vostri dolori e le vostre sofferenze perché le ho vissute.

Gioisco con voi nelle vostre gioie. Piango con voi nei vostri dolori. Non vi abbandonerò mai.

Vi parlerò sempre con mitezza materna e, come madre, ho bisogno dei vostri cuori aperti,

affinché con la sapienza e la semplicità diffondiate l’amore di mio Figlio.

Ho bisogno di voi aperti e sensibili verso il bene e la misericordia.

Ho bisogno della vostra unione con mio Figlio, perché desidero che siate felici

e Lo aiutiate a portare la felicità a tutti i miei figli.

Apostoli miei, ho bisogno di voi, affinché mostriate a tutti la verità divina,

affinché il mio cuore, che ha sofferto e soffre anche oggi immensamente,

possa nell’amore trionfare. Pregate per la santità dei vostri pastori,

affinché nel nome di mio Figlio, possano operare miracoli, perché la santità opera miracoli.

Vi ringrazio. “

Estate Ragazzi 2015

logo ER_Fascia

Il centro estivo  vuole far sperimentare ai ragazzi la gioia di stare insieme. Lo stile della condivisione, dell’amicizia, del servizio e dell’aiuto reciproco contribuisce a creare un clima di affiatamento tra ragazzi ed animatori. Tanto sarà il tempo dedicato ai giochi, alle passeggiate, ai laboratori, ai momenti di preghiera… senza dimenticare i compiti delle vacanze!
Notizie generali:

  • si svolgerà presso l’oratorio parrocchiale in via G.B. Bassi, 20 – dall’8 giugno al 3 luglio (dal lunedì al venerdì) – per ragazzi dalla 1° elementare alla 1° media
  • Orari: (apertura cancelli ore 8 – salvo diversi accordi con i responsabili) attività dalle 9 alle 12.30 e dalle 14 alle 17;
    pausa pranzo dalle 12.30 alle 14 (possibilità di rimanere all’oratorio o andare a casa)
  • Ogni settimana è prevista un’uscita sul territorio (a piedi), una gita in pullman (facoltativa), laboratori, giornata dedicata ai compiti e tante sorprese da definire!
  • Quote: € 25 settimanali (da pagare all’iscrizione) esclusi i pasti e le gite, comprensivi di merenda e laboratori – sconto di € 5 settimanali ai fratelli
  • Pasti € 2,50 cadauno (prenotabili giorno per giorno): noi forniamo un primo sostanzioso, voi portate il resto

Per informazioni e iscrizioni:

Incontro di presentazione campo estivo DOMENICA 17 MAGGIO ore 17.30 presso l’oratorio

Scheda di iscrizione

Lettere ai genitori

Musical Pinocchio

PINOCCHIO

Il  musical ritorna alla sala del Carmine

Pinocchio, e chi non lo conosce? E’ uno dei personaggi più amati da bambini e adulti della letteratura Italiana.

Il testo scritto da Collodi nel 1883 è caratterizzato da una forte moralità legata ai problemi sociali e culturali dell’ epoca, come la fame e la povertà; problemi che ancora oggi  continuano ad esistere  soprattutto all’ interno di una nuova realtà sociale nata con il fenomeno dell’ immigrazione.

Pinocchio, un burattino di 13 anni, è il simbolo che rappresenta la crescita di tutti noi nell’ arco dell’ esistenza. Nasce come figlio di Geppetto, ma poi prova subito curiosità e desiderio di libertà: infatti è un burattino “senza fili” e questo segnerà l’ inizio della sua storia fatta anche di incontri sbagliati.

Tutte le esperienze, anche quelle negative, formeranno la sua coscienza; gli faranno scoprire i sentimenti e i valori che lo porteranno a desiderare di crescere e quindi di essere  come gli altri esseri umani.

Nell’ ultimo incontro con Lucignolo, ormai affacciato all’adolescenza, Pinocchio si accorgerà di essere destinato a non cambiare mai. E’ per questo che, piuttosto che vivere senza poter “invecchiare”, preferirà chiedere a Turchina di ritornare albero.

Gli incontri con il Grillo parlante, la fata Turchina, il Gatto e la Volpe, Mangiafuoco, il Direttore del circo sono i mezzi per procedere nel suo cammino.

Altri ruoli importanti della storia sono: Geppetto, un uomo sulla quarantina, non triste ma brontolone,  egoista, ma non arido, inquadrato nelle sue abitudini. Angela è il nome della mamma di Collodi. Questo ruolo è nato nel momento in cui si è voluto inserire nella storia il concetto di famiglia; Angela è una donna solare, allegra, felice e prova per Geppetto un amore sincero. Lucignolo, un ragazzino di 13 anni, in pieno periodo di conflitto con il mondo dei grandi e delle responsabilità; grazie all’ esperienza nel Paese dei Balocchi supererà l’ età della svogliatezza e della ribellione, per rinascere  a nuova “vita”, con la piacevole consapevolezza di divenire adulto.

Tutto si svolge in un paesino italiano, in collina e allo stesso tempo vicino al mare. Lo spettacolo ha inizio con un temporale primaverile per concludersi in pieno clima natalizio.

Il musical di Pinocchio, firmato da Saverio Marconi, con le musiche dei Pooh, presentato in prima assoluta nel 2003, sarà interpretato da giovani massesi  sabato 9 maggio alle ore 20,45 alla sala del Carmine.

Come è consuetudine il ricavato della serata sarà devoluto per un opera umanitaria. Quest’ anno sarà donato all’ associazione di Bologna A.G.E.O.P. Associazione Genitori Ematologia Oncologia Pediatrica che da oltre vent’ anni è impegnata nella lotta contro i tumori e leucemie nell’ infanzia

Si desidera ringraziare il parroco don Pietro per il sostegno e l’ incoraggiamento con cui ha seguito il lavoro, l’ Amministrazione Comunale e la Pro Loco.

 

Per prenotazione posti cell.     3408121961

 Il gruppo “The musical Brothers”

manifesto locandina pinocchio dim min

Editoriale Il Nostro S.Paolo aprile 2015

MAGGIO: contemplando GESU’,
preghiamo con MARIA

di don Pietro Marchetti, parroco

E’ ormai alle porte il mese di maggio, tradizionalmente dedicato, al culto mariano. La nostra comunità, inizierà questo mese, contemplando Gesù: infatti il primo maggio una cinquantina di Massesi si recheranno a Torino, in occasione della ostensione della Sacra Sindone e per celebrare il secondo centenario di San Giovanni Bosco. In questo lenzuolo che avvolgeva il corpo di Gesù nel sepolcro è rimasto impresso quasi interamente il suo corpo, con particolare evidenza i punti in cui vi erano le ferite inferte nella crocifissione e nella tortura a cui era stato sottoposto. E’ contemplando Gesù che prende il via questo mese, che raccoglierà ogni giorno la nostra comunità per la recita del Santo Rosario.
Come lo scorso anno nei quattro quartieri nella settimana che precede la processione e in chiesa alle ore 18 e alle ore 20,30. Come ama scrivere Padre René Laurentin, in questo mese a Massa si udrà “una sinfonia ininterrotta come perpetuo mormorio” di Ave Maria. Senza dubbio, questa preghiera è la più recitata al mondo: milioni di cattolici recitano ogni giorno 50 o 100 o 150 o 200 “ave Maria”, recitando una corona o due o tre o quattro meditando tutti i misteri della vita di Gesù. Le ave Maria che si recitano ogni giorno sono una cifra astronomica, incalcolabile, inestimabile. La preghiera numero uno rimane sempre quella insegnata da Gesù, il Padre nostro, e le grandi preghiere liturgiche sono rivolte sempre alla prima persona della Santissima Trinità: perché allora tante “Ave Maria” ? Perché Maria è stata scelta per familiarizzare Dio all’umanità; insegnare al Figlio di Dio , il sorriso e il linguaggio degli uomini; e reciprocamente essa è stata ripiena di grazia per familiarizzare gli uomini a Dio.
Non dimentichiamoci che le Ave Maria del rosario sono strutturate e comandate dal Padre Nostro con cui inizia ciascuna decina e ci conducono verso la Trinità con il Gloria al Padre…. La quantità si inchina di fronte alla qualità e la quantità non ci deve far trascurare la qualità. La debolezza umana ha bisogno di appoggiarsi su delle parole e su dei gesti per non svanire nel vuoto o nella distrazione. Da questo punto di vista una certa quantità di preghiere è utile per mantenere la sollecitudine e l’abitudine di pregare. Dire “io cerco la qualità e non mi curo della quantità” potrebbe essere una bella illusione. A volte, per paura di pregare male, non si prega per niente.

Cari fratelli e sorelle di Massa Lombarda: buon mese di Maggio, non abbiate paura se avete l’impressione di pregare male o se qualche volta la distrazione prende il sopravvento: l’importante è: non rinunciare mai alla preghiera.
Il tempo dedicato al Signore ci è restituito cento volte tanto: infatti è clinicamente verificato che chi nella vita ha pregato molto è vissuto meglio e più a lungo….Non a caso ci sono più vedove che vedovi: perché è noto che le donne pregano di più degli uomini!
E ricordo agli uomini di non pretendere che le vostre mogli vadano in chiesa a pregare al vostro posto…perché il Signore poi donerà a loro il Paradiso…………al vostro posto!!!!

 

da Il Nostro S.Paolo aprile 2015