Camminando …per viale “DANTE”

di don Pietro Marchetti

Editoriale Il Nostro S.Paolo – giugno 2021

Noi tutti, cari lettori, del nostro San Paolo, abbiamo studiato a scuola la “Divina Commedia” , ma in quel contesto forse non abbiamo apprezzato adeguatamente la ricchezza di contenuti dell’opera di Dante, più preoccupati del buon voto da prendere nelle interrogazioni. Adesso fuori da questo contesto in occasione del VII° centenario dalla sua morte, possiamo riprendere in mano questa straordinaria opera, che contiene una ricchezza letteraria, e spirituale di alto valore: un vero e proprio cammino spirituale accompagnati dal Sommo Poeta. Anche i Papi nel corso della storia hanno apprezzato questa opera e da ultimo Papa Francesco nella sua lettera Apostolica CANDOR LUCIS AETERNAE. In primo luogo, un invito a leggere questo documento e a raccogliere le provocazioni e le indicazioni che il Papa ci dà: “Ma l’opera del Sommo Poeta suscita anche alcune provocazioni per i nostri giorni. Cosa può comunicare a noi, nel nostro tempo ? Ha ancora qualcosa da dirci, da offrirci ? Il suo messaggio ha un’attualità, una qualche funzione da svolgere anche per noi ? Ci può ancora interpellare ? ….Dante ci chiede piuttosto di essere ascoltato, di essere in certo qual modo imitato, di farci suoi compagni di viaggio, perché anche oggi egli vuole mostrarci quale sia l’itinerario verso la Felicità, la via retta per vivere pienamente la nostra umanità, superando le selve oscure in cui perdiamo l’orientamento e la dignità. (n. 9) Il Papa definisce Dante il “profeta della speranza” , il cantore del desiderio umano, il poeta della misericordia di Dio e della libertà umana. In secondo luogo accogliamo l’invito del Papa a leggere o rileggere questa opera, approfittando del tempo estivo o delle vacanze per riempirle di questa ricchezza spirituale e culturale. Concludo questo breve articolo citando ancora le parole di Papa Francesco: “In questo particolare momento storico, segnato da molte ombre, da situazioni che degradano l’umanità, da una mancanza di fiducia e di prospettive per il futuro, la figura di Dante…può ancora donarci parole ed esempi che danno slancio a nostro cammino. Può aiutarci ad avanzare con serenità e coraggio nel pellegrinaggio della vita e della fede che tutti siamo chiamati a compiere, finché il nostro cuore non avrà trovato la vera pace e la vera gioia, finché non arriveremo alla meta ultima di tutta l’umanità, “l’amor che move il sole e l’altre stelle” (Par. XXXIII, 145). Raccogliamo quindi questa preziosa circostanza e in questa calda estate del 2021, passeggiamo lungo il viale della nostra vita, in compagnia del nostro grande Sommo Poeta. Sarei curioso di sapere dove noi ci vorremmo collocare in questo cammino spirituale: all’Inferno, in Purgatorio o in Paradiso ? Buona estate a tutti. Don Pietro, parroco.

Sottoscrizione a premi

I Biglietti vincenti

PREMION.BIGLIETTO
Macchina da caffè (Gourmet by Tobia)60
Bicicletta da bambino (Giuliani bici)862
Servizio completo da tè da 12981
Tostapane877
Servizio bicchieri flute da 12745
Copriletto trapuntino singolo1396
Completo letto singolo Zucchi1265
Completo letto singolo Zucchi1672
Montalatte1552
Plaid con maniche1468
Portatorte in ceramica1019
Servizio 6 bicchieri da acqua e vino219
Servizio colazione1426
Zuppiera bianca bordo oro1014
Servizio 12 bicchieri1028
Servizio caffè Roversi da 12660
Vasi ceramica1483
Bambola1108
Bottiglia liquore + 4 bicchieri125
2 piatti ceramica + tovaglia1016
PER IL RITIRO DEI PREMI TELEFONARE A : 3408121961 (Marilena) o a 3294664112 (Caritas)

Siamo chiamati a invocare la Madonna perché “guardi” la nostra popolazione

di don Alberto Baraccani, parroco di Fruges

In questo mese di maggio è stato chiesto a me il compito di scrivere l’introduzione al Nostro S. Paolo.

Sono ormai 55 anni che svolgo la mia attività pastorale in questa Comunità e posso dire di conoscere la devozione che il popolo massese ha verso la Madre di Dio. L’ha voluta come custode dei nostri morti, chiamandola e invocandola “Beata Vergine della Consolazione” (e che bisogno abbiamo di consolazione!): Quando le città avevano “le Porte”, fu posta dai massesi la statua della Vergine, invocata come Madonna della Porta. Una guardia sicura!

Negli anni ’80 fui incaricato da don Orfeo di fare una ricerca storico-fotografica sui pilastrini e le immagini della Madonna, disseminate nelle piazze e nelle vie della città. Quante, particolarmente in campagna, vegliavano sulle porte delle case!

Anche se i tempi hanno tolto un po’ di smalto alle nostre tradizionali devozioni alla Vergine, siamo chiamati, oggi più che mai, a invocare la Madonna perché “guardi” la nostra popolazione dal Covid19 e da ogni virus maligno.

Salve Regina, aiuto dei cristiani!

Il Nostro S. Paolo: la raccolta abbonamenti continua

Abbonamenti 2021

Quote

Cartaceo ordinario: euro 12

Cartaceo sostenitore: euro 15

copia online(via email): euro 5

cumulativo (cartaceo+online): euro 17

CI SI PUO’ ABBONARE IN SACRESTIA o AL PUNTO “I 5 SASSI”

IL GIORNALE IL NOSTRO S.PAOLO EDIZIONE N2 DI MARZO E’ DISPONIBILE IN SACRESTIA O AL PUNTO “I 5 SASSI”

Il prossimo numero uscirà a maggio. Per chi volesse collaborare inviando articoli da pubblicare o per ulteriori informazioni scrivere tramite email a: converspaolo@libero.it oppure telefonare a 3473559485 (Giuseppe Pietrantoni dir res.)

Sottoscrizione a premi

Un’ iniziativa della Caritas parrocchiale


Come primo gesto di Carità, in questo difficile inizio d’anno 2021 proponiamo una Sottoscrizione a Premi.
I bisogni di tante persone aumentano e noi dobbiamo essere pronti per un aiuto! Abbiamo pensato, senza costi aggiuntivi, di “sfruttare” ciò che già avevamo: i numerosi oggetti donati da tanti massesi.
I doni in elenco da mettere in palio:
Bicicletta da bambino (Giuliani Bici), Macchina da Caffè (Gourmet bj Tobia), Tostapane, Servizio completo da thè da 12, Servizio 12 flute, Montalatte, Copriletto trapuntino singolo, 2 Completi lenzuoli singoli Zucchi 100X100 di cotone, Plaid con maniche, Bottiglie liquore e 4 bicchieri, Portatorte in ceramica, Zuppiera bianca bordo oro, Servizio da 12 bicchieri acqua/vino, Servizio prima colazione, Scarpe da bambino (Polo Ralph Lauren), Tegame da cucina, e altri

Ogni gesto che compiamo porta frutti copiosi solo se nasce da un’amicizia radicata in Cristo.
Martedì 16 marzo: l’ antifona di ingresso della S. Messa del giorno diceva:” O voi tutti assetati, venite all’ acqua, voi che non avete denaro, venitevi e dissetatevi con gioia”. (Isaia 55,1).
I volontari Caritas

N.B. I dettagli della sottoscrizione verranno comunicati quanto prima

Uno spazio per i più piccoli nell’altare di S. Rita

“Attento alle candele, scottano! No, Giovanni, non tirare così la cassetta delle offerte, è pesante!”: eh sì, chi ha mai accompagnato dei bimbi in chiesa sa quanto possa essere difficile per loro trascorrere il tempo durante la liturgia; e anche i genitori – costretti a farsi inseguitori dei propri bimbi – partecipare con attenzione e serenità alla Messa a tratti sembra un’impresa.
Dopo un confronto con i sacerdoti, e ispirati dall’esperienza di altre parrocchie, è sembrato utile provare a dedicare uno spazio della nostra grande chiesa ai più piccoli. L’obiettivo di offrire ai bimbi e alle bimbe (0-6 anni) uno spazio sicuro e accogliente dove vivere la liturgia, sotto lo sguardo attento dei propri genitori (e della statua di Santa Rita).
Così, una volta spostati gli arredi, il pavimento è stato coperto con un tappetone isolante e sono stati assemblati due mobiletti in cui riporre i materiali messi a disposizione dalla comunità. Ora, mentre i genitori ascoltano le letture, i bimbi possono divertirsi a disegnare alcune di queste storie, oppure mettersi comodi e sfogliare un libro se per caso la faccenda gli sembra andare un po’ per le lunghe. E mamma e papà forse riusciranno a dedicare un po’ più attenzione alla liturgia, sapendo che i bambini sono impegnati a sfaccendare in uno spazio privo di pericoli.
A chi vuole utilizzare l’angolo bimbi è chiesto di rispettare poche, semplici regole: togliersi le scarpe, rimettere in ordine ciò che si è utilizzato e sanificare le superfici prima di andare via.
Un papà

Visita alle famiglie e benedizioni alle case

La visita alle famiglie e la benedizione delle medesime e delle abitazioni, verranno fatte dopo la Pasqua, appena le norme che regolano in questo periodo il nostro vivere comune, lo permetteranno.
Questa la modalità con cui verranno programmate:
1) arriverà nella cassetta delle lettere di casa vostra un bigliettino (sperando che non sia spacciato per pubblicità) in cui sarà indicata la settimana in cui il parroco o un ministro verrà a far visita;
a) nel biglietto troverete il numero di cellulare a cui inviare la richiesta (tramite messaggio o whatsapp con indicazione di giorno e orario pomeridiano e vostro recapito telefonico) per ricevere la visita del Sacerdote o di un altro ministro per la benedizione;
b) sarete poi contattati per la conferma dell’appuntamento.

2) La visita del sacerdote o di un ministro avverrà all’ingresso della casa nel pieno rispetto delle norme sanitarie (indossando la mascherina). Non entriamo in casa o nelle stanze per ragioni di rispetto e motivo igienico-sanitario.
A presto. don Pietro